Firenze VintageBit 2022

Il paese del benGori

Venimmo, vedemmo ed ottenemmo la prova ontologica dell’ esistenza del Philips CDI, dell’ Atari Jaguar e del 3D0 con picchiaduro delle guerriere Sailor, della stampa specializzata su codeste oscure piattaforme, dei lunghi tentacoli della demoscena che lambiscono l’ Atari Portfolio, dello Spectrum che non risente del 40° genetliaco e macina bad-apple dall’alto dei suoi 48k, del Ti99-4a che ha la più bella conversione di Dragon’s Lair su 8bit di sempre, di come si possano creare con calibro, talento e bestemmie delle scocche meravigliosamente uniche per Atari, della conferma che è semplice entrare nel giro della dipendenza da tatstiera meccanica ma impossibile resistere alla tentazione di attaccarla ad un Amiga, di come un gioco misconosciuto per C=64 sul controllo del traffico trascini nel baratro della competizione ancora oggi. E anche altro, nella gallery qui sotto:

Pubblicità

Corso di Assembly per Amiga

Proprio quello di Randy^RamJam

Ho scoperto di recente che esiste una riedizione, volendo anche cartacea, del corso completo di programmazione assembly in due dischi di fabio Ciucci AKA Randy/RamJam.

th_coverfull

Le motivazioni ed il tempo per leggere le 1872 pagine del PDF sono inevitabilmente molto minori rispetto al 1995, anno in cui venni a contatto con la versione originale del corso, grazie all’ archivio pubblicato su Aminet e sulla rivista Enigma Amiga Run. Se mi mettessi di fronte all’ AsmOne oggi andrei poco oltre rispetto ad un btst #10, $dff016.

I meriti che vanno riconosciuti a questa riedizione sono molto più di quelli meramente didattici e nostalgici; va riconosciuta la passione che anima chi si cimenta in un progetto di questa portata, ieri con l’entusiasmo di creare e di misurarsi col mondo, oggi sottraendo tempo a famiglia e lavoro.

Tutti i simpatizzanti di Ram Jam, tutti quelli che ancora oggi cantano, o hanno cantato anche una sola volta, i pezzi di TeknoMerda, chiunque ci abbia mai apprezzato negli ultimi 26 anni!