Copertine brutte di giochi Amiga

Il compianto Bob Wakelin, talentuosissimo illustratore di molte copertine di videogames, prevalentemente sotto etichetta Ocean, non faceva mistero che, allorquando un gioco che stava per essere rilasciato non fosse ritenuto dalla dirigenza abbastanza buono o appetibile, gli veniva richiesto di mettere uno sforzo extra nella sua arte. I videogiochi di allora, nell’era pre-internet, si vendevano grazie all’ illustrazione in copertina, come i libri ed i dischi.

Rimane insondabile quante copie abbiano potuto vendere i giochi della gallery.

BiAsciicare

Dopo un numero indecente di anni, nell’ ordine comunque delle decine, mi sono ritrovato per diletto a cimentarmi nuovamente col set ASCII, nel tentativo di accostare un insieme finito di simboli soggiogandolo al mio gusto estetico. Asciiart la chiamano, ma i miei risultati si discostano molto dall’ arte di cui ho riverenza.

La mia proposta per il votesheet di Versus in tutta la gloria del font Topaz

E così, per produrre un nuovo “pezzo”, si riprende confidenza con gli strumenti ed i limiti espressivi di una volta, 80 colonne ed il font corpo 8 più amato/odiato di sempre. Non può essere il più odiato perchè non potrebbe mai competere col ComicSans, usato a sproposito e massivamente anche per le cose serie; con questi occhi ci ho visto scritto un bilancio aziendale e delle indicazioni di evacuazione. Al secondo posto metterei il Papyrus, font usato per il logo del film Avatar ed in ogni centro estetica/massaggi/articoli per la casa, ma sono divagazioni.