Corso di Assembly per Amiga

Proprio quello di Randy^RamJam

Ho scoperto di recente che esiste una riedizione, volendo anche cartacea, del corso completo di programmazione assembly in due dischi di fabio Ciucci AKA Randy/RamJam.

th_coverfull

Le motivazioni ed il tempo per leggere le 1872 pagine del PDF sono inevitabilmente molto minori rispetto al 1995, anno in cui venni a contatto con la versione originale del corso, grazie all’ archivio pubblicato su Aminet e sulla rivista Enigma Amiga Run. Se mi mettessi di fronte all’ AsmOne oggi andrei poco oltre rispetto ad un btst #10, $dff016.

I meriti che vanno riconosciuti a questa riedizione sono molto più di quelli meramente didattici e nostalgici; va riconosciuta la passione che anima chi si cimenta in un progetto di questa portata, ieri con l’entusiasmo di creare e di misurarsi col mondo, oggi sottraendo tempo a famiglia e lavoro.

Tutti i simpatizzanti di Ram Jam, tutti quelli che ancora oggi cantano, o hanno cantato anche una sola volta, i pezzi di TeknoMerda, chiunque ci abbia mai apprezzato negli ultimi 26 anni!

 

Commodore C64 – A visual compendium 2.0

Provo un senso di inquietudione di fronte al fenomeno degli unboxing; a volte tendo a classificarlo, al pari degli apericena, al motivo principe della decadenza della cultura del nostro secolo, tanto odioso è il lemma. Quindi suggerirei di usare il termine “spacchettamento” o augurerei l’ unboxing urgente delle scatole dei cerotti.

Parimenti provo una malcelata invidia quando assisto ad eventi come questo.

Quindi, senza ulteriore indugio andiamo allo spacchettamento di questo frutto dell’amore di Kickstarter e Bitamp books.

Il volume è la versione 2.0 che nelle sue 478 pagine complessive accorpa entrambe le edizioni. Per chi possedesse già la prima edizione era possibile acquistare questo secondo volume corredato di raccoglitore per tenere le pagine vicine vicine.

Inspiegabilente sulla costa del volume unico c’è il numero 1. 1 come unico.

Per quanto riguarda i contenuti editoriali vale il paragone con Playboy, sono sicuramente informativi, divertenti e scritti da penne brillanti, ma non sono il motivo per cui si compra questo genere di libro. Ho apprezzato molto dettagli quali la sovraccoperta con l’ abc dei personaggi/logo iconici (nella prima di copertina ci sono quelli del primo volume), il segnalibro di cartoncino con le rasterbars ed i segnapagina con i colori Commodore. Le pagine hanno una grammatura molto alta, sembrano quasi laminate oltre che scarsamente flessibili e la rilegatura è solidissima.

Al pari degli altri libri editi da Bitmap books (Amiga e Spectrum su tutti, presto miei) si trovano agevolmente su Amazon e su bitmapbooks.co.uk

Un ultimo caveat: ho segnalato un bug sul loro sito che trasformava le valute diverse dalla sterlina al check-out in valori semi-random senza aggiungere le spese di spedizione.

Hanno risolto il problema eliminando tutte le valute al di fuori della sterlina.

In ogni caso la lettura è consigliatissima.